בתי הספר של הקהילה היהודית במילאנו בת
בתי הספר של הקהילה היהודית במילאנו בתי הספר של הקהילה היהודית במילאנו
בתי הספר של הקהילה היהודית במילאנו

Insegnanti della Scuola Giapponese in visita per uno scambio di culture didattiche e la programmazione di attività comuni

● ● ●

È situata proprio di fronte alla Scuola Ebraica, al di là della strada, e negli anni le relazioni sono state sempre amichevoli, con visite reciproche di classi nei rispettivi istituti. Ora gli scambi si rinnovano: questa settimana è stata accolta nella nostra scuola una delegazione di insegnanti della Scuola Giapponese che, accompagnata dal preside Marco Camerini, dall’asssessore alle Scuole Dalia Gubbay, dalla coordinatrice di infanzia e primaria Diana Segre e dal coordinatore della secondaria di primo grado Daniele Cohenca, ha visitato le classi, gli spazi comuni, la palestra, il giardino e l’aula magna.

La delegazione giapponese

Il vicepreside Hiroaki Ueno e i professori Hidaki Taba, Masaynki Fujita e Kotaro Nariai, accompagnati dalla segretaria/interprete Miyuki Okayama, hanno dapprima visitato la zona della primaria, dove Diana Segre ha raccontato loro come si svolge la didattica, quali attività fanno i bambini, come vengono posizionati i banchi nelle diverse occasioni, gli obiettivi educativi. Gli ospiti sono entrati nelle classi, dove si sono fatti illustrare le lezioni del momento salutando i bambini, hanno visto la biblioteca, il laboratorio di scienze quello di inglese.

Le domande sul sistema scolastico italiano e l’ebraismo

Gli insegnanti della Scuola Giapponese arrivano in Italia per un mandato di tre/quattro anni, poi ritornano in Giappone: volevano dunque conoscere come funziona il sistema scolastico italiano, con molte domande sui metodi di insegnamento, le attività di sostegno, le materie studiate. Molto interesse anche per l’ebraismo e per l’insegnamento dell’ebraico: la tappa alla grande hannukkià all’ingresso e la visita alla sinagoga sono state l’occasione per raccontare loro un po’ della cultura ebraica, delle comunità italiane e delle scuole ebraiche in Italia.

L’apprezzamento per la didattica inclusiva

La Scuola Giapponese, che conta circa 70 alunni, ha due ordini di studi, primaria e secondaria di primo grado; la visita è dunque proseguita alle classi delle medie, dove Daniele Cohenca ha illustrato loro i piani di studio, l’utilizzo dei dispositivi della scuola (lavagne elettroniche, computer), le metodologie didattiche. Grande l’interesse degli insegnanti giapponesi anche per i dettagli: cosa si mangia a merenda, come vengono suddivise le classi, come si svolgono le interrogazioni (da loro ci sono solo verifiche per iscritto e hanno molto apprezzato il concetto che da noi i ragazzi parlano con l’insegnante davanti alla classe, acquisendo abilità espositive e di interazione).

L’efficienza della Scuola Giapponese

Due mondi che si incontrano: la Scuola Giapponese è infatti molto diversa da quella italiana, nella didattica e nell’organizzazione. Una diversità che ha particolarmente colpito i nostri insegnanti è l’alto livello di standardizzazione: per esempio, nelle scuole giapponesi di tutto il mondo (compreso il Giappone) gli alunni studiano sugli stessi libri e gli stessi capitoli nello stesso momento. Nella Scuola Giapponese, hanno raccontato gli insegnanti, si dà inoltre più attenzione alla collettività della classe che non ai singoli individui: da qui l’apprezzamento per la nostra didattica che mira a dare agli studenti la possibilità di esprimere se stessi e per le attività di sostegno rivolte ai singoli. Grande “invidia” dei nostri, invece, per la disciplina giapponese: dopo le lezioni sono gli studenti a pulire le classi, rendendo quasi superfluo il personale addetto.

Le attività di incontro fra studenti delle due scuole

La visita si è conclusa con l’invito reciproco a portare gli studenti a visitare le rispettive scuole. Inoltre, è già stata programmata una partita di calcetto fra i ragazzi che si svolgerà nelle prossime settimane, magari seguita da ulteriori attività per favorire la conoscenza reciproca.

Claralinda Miano

concept & web design
claralinda.me

Alberto Jona Falco

fotografia
who is
Tutte le foto pubblicate sono soggete a copyright e registrate. Tutti i soggetti ritratti, od i loro tutori, hanno rilasciato regolare liberatoria depositata presso CEM.