Maccabi

Il Maccabi Milano fa parte della Federazione Maccabi Italia, dell’European Maccabi Confederation, del Maccabi World Union ed è affiliato al CONI.

L'Associazione Maccabi Italia vuole stimolare la collaborazione tra gli atleti di tutte le realtà sportive che operano in Italia secondo la tradizione del Maccabi.

Ci impegnano a supportare la realizzazione e lo sviluppo di programmi sportivi e culturali volti ad arricchire le famiglie e la comunità ebraica milanesi.

Per maggiori informazioni: maccabimilano@yahoo.it

La storia

logo_350

Il Maccabi è una organizzazione sportiva ebraica mondiale presente in 5 continenti, in più di 50 paesi e conta circa 400.000 membri. Il Maccabi Word Union (MWU) comprende 6 confederazioni: Maccabi Israel, European Maccabi Confederation, Confederation Maccabi North America, Confederation Maccabi Latin America, Maccabi South Africa e Maccabi Australia.

Molti club Maccabi funzionano come veri e propri centri polifunzionali che provvedono non solo all'educazione sportiva, ma anche a quella sociale e culturale, promuovendo lo sport come stile di vita, considerandolo un strumento essenziale per la crescita dei giovani in un sano equilibrio psicofisico individuale e collettivo, diffondendo valori sani legati al vivere sociale.

Le Maccabiadi, che a differenza dei Giochi Europei Maccabi si svolgono ogni 4 anni in Israele, iniziano nel 1932. Dopo una seconda edizione del '36, furono sospese a causa della guerra e riprese nel 1950, celebrando così anche la nascita dello Stato d'Israele. I Giochi Europei Maccabi (European Maccabi Games-EMG) rappresentano in realtà il "fratello maggiore" delle Maccabiadi, poichè nati prima: la prima edizione degli EMG, che adesso si svolgono ogni quattro anni in un paese europeo, ebbe luogo a Praga nel 1929. Anche gli EMG furono sospesi dopo la seconda edizione di Anversa e ripresero solo nel 1959 a Copenaghen. Da allora i rappresentanti al Maccabi Word Union lavorano per accogliere ad ogni evento, in Europa come in Israele, atleti da oltre 30 paesi del mondo.

I giochi europei Maccabi sono legati a doppio filo alle Maccabiadi che si svolgono in Israele e si alternano ogni due anni: sebbene spesso siano chiamate Olimpiadi ebraiche, in realtà le Maccabiadi sono aperte ai cittadini israeliani di ogni religione ed agli atleti provenienti dalle comunità ebraiche di tutto il mondo.

''Le Maccabiadi non sono solo per gli ebrei, sono per tutti gli israeliani ed io sono un'israeliana orgogliosa'', ha dichiarato Asalla Shahada, nuotatrice di 17 anni proveniente dal villaggio arabo di Sakhnin, dopo aver vinto la prima medaglia d'oro alle Maccabiadi.

Lo Sport e il Maccabi

Il mondo dello sport è un terreno idoneo allo sviluppo dell’amicizia che nasce dalla collaborazione tra i compagni di squadra, uniti nel raggiungere un fine comune.

Spesso tra compagni si stabiliscono vincoli destinati a durare nel tempo, in quanto affinità di interessi e di carattere consentono di apprezzare la presenza degli altri mentre ci si impegna e ci si diverte nel praticare uno sport che appassiona tanto. Altre volte i ragazzi si avvicinano allo sport per poter stare con i coetanei. In questo caso è l’amicizia stessa che fa da veicolo alla pratica sportiva, che coinvolge i ragazzi, trascinati da chi già pratica. Soprattutto nell’età della scuola elementare, i ragazzi e le ragazze cercano i loro amici e vogliono giocare nella stessa squadra. Quando si tenta di dividerli, possono rifiutarsi di giocare, perché vengono a mancare la sicurezza e il divertimento dello stare con i propri compagni abituali. L’amicizia si estende anche agli avversari: infatti, anche negli sport individuali, come la corsa, l’altro non è solo un avversario da battere, ma è colui che ci offre degli stimoli, che ci impegna a gestire al meglio le nostre forze e abilità, che ci sprona a dare il massimo ed esprimere a pieno le nostre potenzialità. L’altro è più un compagno di viaggio che un avversario. Diviene addirittura un elemento indispensabile per una piena esecuzione delle potenzialità individuali e della squadra, costringendo sia l’atleta singolo che tutto il gruppo a dare il meglio di sé e raggiungere traguardi di prestazione superiori ai limiti in allenamento.

Gli allenatori, prima e dopo la gara, invitano i propri ragazzi a gesti di amicizia nei confronti dei loro avversari e dei tecnici della squadra avversaria: in questo modo li educano a considerare l’avversario in un contesto di maggiore lealtà e umanità per sminuire i momenti di tensione della competizione.

L’amicizia va oltre il momento agonistico: dopo il gesto sportivo non ci si sente più avversari ma si dà spazio a discussioni circa lo svolgimento della gara o della sua preparazione, si parla di cose estranee allo sport, rafforzando così dei legami di amicizia conoscendo l’uomo oltre che l’atleta.

L’amicizia non è riservata solo a chi pratica lo sport, ma anche a chi in qualche modo lo segue. I genitori, frequentando lo stesso ambiente, instaurano fra di loro relazioni positive che si trasformano spesso in amicizia, fino ad organizzare momenti di incontro comune tra ragazzi e genitori, magari per una pizza tutti insieme dopo una bella partita o alla conclusione di un torneo: il tessuto relazionale si intensifica, offrendo occasioni e reti di supporto reciproche tra le famiglie dei ragazzi e i membri della società sportiva.

I corsi dell'anno scolastico 2014/2015

Per l' anno scolastico in corso il Maccabi Milano sta ha organizzato i corsi che coprono le più svariate discipline:

  • Calcetto
  • Ginnastica Ritmica
  • Ginnastica Artistica
  • Danza
  • Mini Basket
  • Basket
  • Corso di arte e pittura
  • Capoeira
  • Giochi con la palla
  • Zumba